Efficienza energetica



GAIA pone massima attenzione all’efficienza energetica. Lo sviluppo del sistema di gestione dell’energia avviene con un costante e puntuale monitoraggio dei consumi energetici dei vari siti aziendali, attraverso un censimento dei macchinari, degli impianti e delle apparecchiature utilizzate, nonchè degli impianti di riscaldamento e condizionamento. A tali consumi si aggiungono quelli per i trasporti interni e la movimentazione dei rifiuti. I consumi elettrici nell’ambito degli stabilimenti sono funzionali all’operatività degli impianti, delle linee produttive e dei servizi ausiliari.

 

I consumi energetici in relazione ai rifiuti trattati ha un valore pressocchè costante nel corso degli anni. La valutazione dei consumi energetici di GAIA viene eseguita seguendo i “GRI Sustainability Reporting Standards” edite nel 2016 dal Global Reporting Iniziative. Il GRI definisce “energia diretta” tutte le forme di energia che rientrano nel perimetro operativo dell’organizzazione. Tale energia può assumere la forma di energia primaria (ad esempio il gas naturale per il riscaldamento) o di energia intermedia (come l’elettricità). “L’energia indiretta” è l’energia prodotta all’esterno del perimetro operativo dell’azienda e utilizzata per far fronte al fabbisogno di energia intermedia.

Il trattamento dei rifiuti richiede il consumo di energia primaria solo per alcune attività di supporto al servizio:

  • carburante per gli automezzi aziendali (utilizzati per la movimentazione dei rifiuti all’interno degli impianti o da un impianto all’ altro);
  • gasolio, metano e GPL per il riscaldamento degli uffici e degli impianti di trattamento

 

Oltre il 90% dell’energia elettrica utilizzata da GAIA è richiesta dai processi del polo trattamento rifiuti e dall’impianto di compostaggio, mentre per quanto riguarda il gasolio da autotrazione i consumi sono ripartiti tra i due impianti sopra citati e la discarica per rifiuti non pericolosi. Nella discarica il gasolio per autotrazione è necessario al funzionamento dei mezzi d’opera coinvolti nelle operazioni di stendimento e compattazione del rifiuto; l’energia elettrica è impiegata nelle utenze relative all’ufficio ed impianti tecnologici (pompe per la captazione biogas  e percolato, illuminazione, pompe per l’impianto di lavaggio ruote, ecc).