Impianto di Tmb



IMPIANTO DI TMB (Trattamento Meccanico Biologico)
All’interno del Polo trattamento rifiuti
fraz. Quarto Inferiore 273/D,
14100 Asti
Inizio attività: 2002
Potenzialità autorizzata: 44.000 t
Rifiuti trattati 2018: 47.500 t

 

Il ciclo di funzionamento dell’impianto che riceve i rifiuti indifferenziati (RSU) avviene in due fasi principali:

1. una separazione meccanica secco/umido tramite triturazione, vagliatura e deferrizzazione, che genera:

  • una componente secca (prevalentemente carta e plastica) che viene pressata, confezionata in balle e inviata in discarica oppure miscelata con scarti plastici e quindi trasformata in CSS (Combustibile Solido Secondario – ex CDR)
  • una frazione ferrosa destinata al recupero
  • una frazione organica umida da stabilizzare

 

2. un processo di stabilizzazione della frazione organica umida per ottenere la FOS (Frazione Organica Stabilizzata) all’interno di 9 biocelle, che hanno ridotto le emissioni odoroigene e ridotto gli interventi di manutenzione nell’impianto. Tale processo consiste in un trattamento meccanico-biologico del rifiuto organico al fine di renderlo non più fermentabile.

La FOS, simile ad una terra di rifiuti, viene utilizzata come materiale da riempimento della discarica per rifiuti non pericolosi.

 

Processo di stabilizzazione della frazione organica umida